Scopri la Storia

Scopri l'origine delle Aquae Patavinae e la storia del paesaggio termale euganeo...

 

ascia_galzignano1 planimetriapalafitta P1040788 IMG_2807 foto18 6203435891_ae9c46c5e5_b

Scheda sito


Punta di lancia in bronzo
Abano Terme, X – IX secolo a.C.

Dal centro storico di Abano proviene una punta di lancia in bronzo databile ad un periodo compreso tra X e IX secolo a. C. Gli archivi del Museo Civico di Padova riportano, come luogo del rinvenimento, “Abano, presso la chiesa”: probabile riferimento alla chiesa principale del paese, il Duomo di San Lorenzo. La data del recupero non è nota, ma certo precedente il 1911. Non si ha notizia di alcun altro oggetto rinvenuto in questa località.


Storia degli Studi

La data del recupero non è nota, ma certo precedente il 1911. Non si conoscono le circostanze del rinvenimento, né se la lancia fosse originariamente associata ad altri reperti.


Descrizione

Preistoria e Protostoria

Dal centro storico di Abano proviene una punta di lancia in bronzo databile ad un periodo compreso tra X e IX secolo a. C. Gli archivi del Museo Civico di Padova riportano, come luogo del rinvenimento, “Abano, presso la chiesa”: probabile riferimento alla chiesa principale del paese, il Duomo di San Lorenzo. La data del recupero non è nota, ma certo precedente il 1911. Non si ha notizia di alcun altro oggetto rinvenuto in questa località.

 

Cronologia

X – IX secolo a. C. (inizio dell’età del Ferro).

 

Contesto geografico ed urbanistico

Abano Terme, area dell’attuale centro cittadino.

 

Bibliografia

Bronzi antichi del Museo Archeologico di Padova , a cura di G. Zampieri, B. Lavarone, Roma 2001, pp. 118, n. 117.
Fasani L., L’età del Bronzo, in Il Veneto nell’antichità. Preistoria e Protostoria, vol. II, a cura di A. Aspes, Verona 1984, pp. 581, tav. Figura senza numero; oggetto in tavola n. 2.

 
 

Accesso al sito
Non visitabile.

Archivio Materiali

Provenienza: Abano Terme
Cronologia: X – IX secolo a.C.


Descrizione
Punta di lancia in bronzo. Per quanto in cattivo stato di conservazione e frammentata nella parte inferiore, è certamente ascrivibile al tipo con innesto “a cannone”, vale a dire con terminazione cava per l’inserimento sulla lunga asta in legno che completava l’arma. Del cannone si conserva una piccola parte, sufficiente a notarne la sfaccettatura poligonale utile alla datazione. La lama, lunga circa 15 cm, è a forma di foglia con margini poco taglienti e punta molto sviluppata, rinforzata da una nervatura centrale sfaccettata che prosegue nel cannone basale.

Funzione
Punta di lancia, la parte dell’arma destinata ad offendere. La lancia era in origine completata da una lunga asta in legno.


Luogo di Conservazione: Musei Civici agli Eremitani – Padova

[:]