Scopri la Storia

Scopri l'origine delle Aquae Patavinae e la storia del paesaggio termale euganeo...

 

vallecola del santuario fig4 santuario_bur 44341 cavalli l1100691

Scheda sito


Reperti senza esatta indicazione di provenienza
Abano Terme, IV – III millennio a.C. (tardo Neolitico e inizio dell’età del Bronzo) e X – VIII secolo a.C. (età del Ferro)

Nel territorio di Abano Terme sono stati rinvenuti nel corso del tempo diversi oggetti databili tra IV e III millennio a.C. (tardo Neolitico – inizio dell’età del Bronzo) e tra X e VIII secolo a.C. (età del Ferro). Pur non conoscendone il contesto specifico di provenienza, essi costituiscono testimonianza della frequentazione di questo territorio in epoche così remote.


Storia degli Studi

Gli oggetti pre-protostorici sono frutto di rinvenimenti occasionali verificatisi a più ripese nel corso del XIX e del XX secolo: poche sono infatti le informazioni sulla Preistoria e la Protostoria del territorio di Abano. Solo per la tarda età del Ferro, coincidente con gli ultimi secoli del I millennio a. C., le notizie si fanno meno frammentarie, suggerendo una frequentazione del territorio prevalentemente legata a luoghi di tipo cultuale e votivo.


Descrizione

Preistoria e Protostoria

Pochissimo si sa sulla Preistoria e la Protostoria del territorio di Abano. Solo per la tarda età del Ferro, coincidente con gli ultimi secoli del I millennio a. C., le notizie si fanno meno frammentarie, suggerendo una frequentazione del territorio prevalentemente legata al sacro (cfr. schede area Kursaal e Strada Feriole). Per i millenni precedenti sono ad oggi noti solamente alcuni oggetti isolati e privi, con un’unica eccezione, di indicazioni precise di provenienza.
Per la Preistoria è possibile ricordare solamente una punta di freccia in selce, ancora inedita e conservata al Museo Preistorico Nazionale di Roma, attribuibile ad un periodo compreso tra IV e III millennio a.C. (tardo Neolitico e inizio dell’età del Bronzo).
Una prima frequentazione di qualche peso è invece attestata da alcune armi databili tra X e VIII secolo a.C. (età del Ferro): l’ascia ad occhio “tipo Abano” e una punta di lancia in bronzo (cfr. scheda Abano, centro storico).

 

Cronologia

IV – III millennio a.C. (tardo Neolitico – inizio dell’età del Bronzo) e X – VIII secolo a.C. (età del Ferro)

 

Contesto geografico ed urbanistico

Gli oggetti provengono dal territorio comunale di Abano Terme.

 

Bibliografia

Montelius O., La civilisation primitive en Italie depuis l’introduction des métaux, I, Italie Septentrionale, 1895, pp. tav. 33, n. 16, tav. 33, n. 16.

 
 

Accesso al sito
Non visitabile.

Archivio Materiali

Provenienza: territorio di Abano Terme
Cronologia: IX – VIII secolo a.C.


Descrizione
Ascia in bronzo con lama massiccia e margini dritti. Questo tipo di ascia viene definito “ad occhio” per la caratteristica estremità cava, posta sul lato opposto rispetto alla parte tagliente della lama, funzionale al fissaggio sul manico in legno. Di questo oggetto, disperso, esiste oggi solo documentazione grafica, ricavata da un disegno di fine XIX secolo.

Funzione
Le asce, nel mondo antico, erano utilizzate per un’ampia gamma di attività; rappresentavano sia una comune arma per il combattimento corpo a corpo sia un poliedrico strumento di lavoro, utilizzato non solo per l’abbattimento degli alberi ma anche nella carpenteria e nella lavorazione artigianale del legno e di altri materiali.


Luogo di Conservazione: attualmente non reperibile

[:]